Educare alla libertà

La scuola, osservatorio privilegiato

ragazzo appoggiato

La scuola è un osservatorio privilegiato sui fenomeni e i trend caratteristici delle giovani generazioni.

Uno di questi fenomeni, da tenere sotto stretta sorveglianza, è quello della repentina diffusione di alcol e droghe.

E' un fenomeno che, se preso sul nascere, salva molte vite di giovani.

Ascolto, dialogo, problem solving

viso ragazza arrabbiata
Aggressività, violenza, bullismo

Nella scuola di tutti i giorni è necessario porre attenzione ai fenomeni di aggressività e di violenza, di inciviltà, di bullismo, di sopruso, di ricatto oppure di passività eccessiva di certi allievi, di anoressia o di bulimia, di assenze da scuola o di fobia.

Ascolto, dialogo, problemi, emozioni

Va posta allora attenzione alla necessità di migliorare le condizioni della vita scolastica corrente, di fornire momenti di ascolto, di dialogo, di condivisione dei problemi e dei sentimenti, momenti questi che sempre più nella società diventano rari e che la scuola non ha l’abitudine di considerare esplicitamente come aspetti rilevanti nello sviluppo formativo degli allievi.

Tranquillità emotiva e sociale

Se la società non fornisce questi spazi, la scuola non può ignorarne il bisogno, tanto più in quanto l'allievo a scuola riuscirà ad apprendere, a lavorare, a stabilire contatti e comunicazione solo se beneficia di un minimo di tranquillità personale emotiva e sociale.


Incontro con i Referenti Regionali per l'educazione alla salute


A seguito della fruttuosa ed interessante riunione tenutasi a Roma venerdì 12 marzo, presso Palazzo Chigi, in occasione della presentazione del progetto "EDU" e dell'indagine sul consumo di sostanze stupefacenti nella popolazione studentesca di 15-18 anni, abbianmo ritenuto utile rendere disponibili i materiali presentati.



Rete dei docenti referenti per
l'educazione alla salute

Mappa italiana dei contatti


Campagna informativa sugli effetti negativi derivanti dall’uso di sostanze psicoattive

ragazzo con lampadinaIl Dipartimento Politiche Antidroga propone una nuova Campagna informativa (2008) che intende dimostrare gli effetti dannosi delle sostanze psicoattive, e promuovere fattori protettivi e preventivi soprattutto nell'ambito della famiglia.
Per questo la campagna si rivolge ai giovani, potenziali consumatori di sostanze psicoattive, ma anche ai genitori con l'obiettivo di:
 

  • coinvolgere tutta la famiglia, per valorizzare il dialogo ed esprimere insieme (genitori e figli) un fermo rifiuto delle droghe;
  • mostrare gli effetti dannosi che tutte le sostanze psicoattive producono al cervello ed i risultati delle ricerche nel campo delle neuroscienze.

Visualizza lo spot video
Scarica l'opuscolo informativo della campagna